Sergio Marcelli

Mi presento. Meno di trecento parole per dire chi sono. Stop. Inizio dalla camera oscura. L’ingranditore, la carta fotografica, quella buona. Tonnellate di carta per imparare a stampare. Ci vuole esercizio. Stop.
Poi insegnante di fotografia. Fotografia, ovvio. A venticinque anni il primo corso per una scuola di cinema. Vent'anni dopo Hoepli pubblica 324 pagine di tecnica fotografica. S'intitola Trattato fondamentale di fotografia. Iperconcentrato d'esperienza. 
La vita non è lineare. Punto. Bisogna voltare pagina, crescere sempre, tentare di superare se stessi. Il mio primo documentario. Dopo i cortometraggi. Super 8, 16 millimetri, full HD, 4K. Pellicola. Digitale.
Mostre, riconoscimenti. Pubblicazioni, qualche installazione. Pubblicità, still life, architettura. Ritratto, moda, ricerca, ritorno alla ricerca. Fotografia soggettiva, direbbe qualcuno.
Mentre lavoro ascolto musica. Iggy Pop ha fatto un patto col diavolo. Punto.
I processi ibridi. Però non uso le abbreviazioni da tastiera. Non ho fretta. Lasciamo che le cose sedimentino un po’. Per vedere con lo sguardo esterno, quello degli altri. Stop.
Bisogna scavalcare le dimensioni di una foto affinché parli. Racconti. Fine

Indirizzo 

Contatti

Collegamenti

Blog
Un ottavo

Built with Mobirise ‌

Web Page Creator